lunedì 13 ottobre 2014

Sempre più guerre dimenticate

Marco Cedolin

Stando ai dati che emergono dall'indagine effettuata dall'istituto di Heildeberg, riguardo ai conflitti internazionali, lo scorso anno 2013 sarebbe stato quello che ha fatto registrare il maggior numero di guerre nel mondo, dalla fine della seconda guerra mondiale.
I conflitti a livello mondiale sono stati 414, quarantacinque dei quali classificati come molto violenti e 20 di questi catalogati come guerre, con un incremento di circa il 10% rispetto all'anno precedente.....

sabato 19 luglio 2014

C'è strage e strage

Marco Cedolin
Ieri in Siria, nell'ambito della campagna terroristica ormai in atto da anni, un gruppo di miliziani che il Corriere Della Sera definisce "jihadisti dello Stato Islamico", ma oggettivamente si qualificano come terroristi in tutta evidenza graditi all'occidente, ha attaccato il giacimento di gas di Al Shaer ad Homs, nella parte centrale del paese, occupando la struttura. Dopo avere effettuato l'occupazione, i miliziani di cui sopra hanno pensato bene di ammazzare con esecuzione sommaria tutti coloro che non erano stati uccisi durante l'attacco e d erano stati fatti prigionieri. Risultato della strage almeno 270 vittime, praticamente lo stesso numero dei disgraziati rimasti uccisi nell'abbattimento del Boing 777 sui cieli dell'Ucraina....

giovedì 17 luglio 2014

A Gaza inizia l'attacco di terra

Marco Cedolin

In tutta evidenza il governo israeliano non ha ritenuto sufficiente il massacro di 200 cittadini palestinesi, compiuto nelle scorse settimane, così come probabilmente non ritiene sufficienti neppure sei decenni di orrori e soprusi, nel corso dei quali il "popolo eletto" ha sistematicamente espropriato la casa di ogni palestinese rinchiudendolo dentro ad un campo profughi. Così come scarsamente sufficienti sembrano essere i genocidi, le stragi, gli omicidi mirati, ed il sangue del popolo palestinese versato a più riprese ogni volta che era necessario riaffermare l'egemonia israeliana sulla regione.
Proprio per questa ragione appena qualche ora fa Israele ha iniziato l'invasione di terra della striscia di Gaza.....

giovedì 10 luglio 2014

Il genocidio continua

Marco Cedolin
Attacchi aerei e bombardamenti, con un bilancio di almeno 80 persone trucidate a Gaza fino a questo momento. A breve con tutta probabilità anche un attacco di terra, e perché no il fosforo bianco, come durante l'operazione "Piombo fuso" del 2008. 

La più grande "democrazia" del Medio Oriente sta proprio in questi giorni dando sfoggio ancora una volta di tutte le proprie virtù, laddove verbi come ammazzare, sterminare, annientare, uccidere, vengono declinati sotto forma di meriti da appuntare sul petto del popolo eletto....

sabato 14 giugno 2014

Quei suicidi dimenticati

Marco Cedolin
L'intero circuito mainstream ha ormai focalizzato da molto tempo la propria attenzione sull'India, unicamente in relazione ai casi di violenza sessuale, tratteggiando l'immagine di un paese senza diritti, dove la donna è ostaggio del sistema delle caste, costretta a vivere in un vero e proprio medioevo. Allo stesso tempo, sempre in India, è in corso una vera e propria ecatombe, costituita dal suicidio (un suicidio ogni mezz'ora) dei contadini indiani, a causa della Monsanto e delle politiche industriali, senza che la stampa mainstream abbia mai ritenuto giusto documentare quanto sta accadendo.
L'amica Gloria Germani ha scritto una lettera indirizzata alla giornalista Alessandra Muglia del Corriere della Sera, autrice dell'ennesimo articolo in materia di stupri, per esternare le proprie perplessità ed avere delle risposte. Risposte che purtroppo fino ad oggi non sono arrivate...

mercoledì 11 giugno 2014

Speciale Mose terza parte: a chi veramente serve il Mose?

Marco Cedolin
Come abbiamo visto in queste pagine il progetto MOSE peserà notevolmente sulle spalle di tutti i contribuenti italiani (4,5 miliardi di euro destinati con tutta probabilità ad aumentare in maniera esponenziale) senza offrire adeguate garanzie riguardo alla sua reale utilità nel salvaguardare Venezia dal fenomeno delle acque alte nei decenni futuri.
L’opera danneggerà in maniera irreversibile il patrimonio ambientale dell’intera laguna, contribuendo a peggiorare la situazione attuale già profondamente compromessa.
Il Mose pregiudicherà l’attività dei pescatori e intralcerà la navigazione, mettendo a repentaglio il futuro occupazionale di svariate categorie di lavoratori......

martedì 10 giugno 2014

Speciale Mose seconda parte: una risposta sbagliata

Marco Cedolin
Le pesanti critiche di cui il sistema Mose è stato fatto oggetto fin dalla presentazione del primo progetto nel 1992, riguardano sia l’enorme impatto delle opere sul territorio e sull’economia locale (pesca, acquacoltura, turismo e porto) sia la scarsa utilità dell’infrastruttura, sia l’altissimo costo di un progetto che non garantisce risultati proporzionati all’investimento, sia il fatto che la scelta del MOSE sia stata portata avanti senza mai prendere in considerazione progetti alternativi caratterizzati da diverse concezioni progettuali e modalità di gestione.
Rifiutando tutte le più elementari regole della logica il Mose si propone inoltre di risolvere il problema delle “acque alte” intervenendo solamente sul fenomeno e non sulle cause che contribuiscono ad ingenerarlo....

lunedì 9 giugno 2014

Speciale Mose prima parte

Marco Cedolin
Il MOSE (acronimo di Modulo Sperimentale Elettromeccanico) si pone nell’ambito delle grandi opere con la peculiarità di essere un progetto caratterizzato dalla sua “unicità” non esistendo nel mondo opere analoghe per grandezza ed impatto ambientale , né un problema analogo come complessità a quello che l’infrastruttura si propone di risolvere.

Il fenomeno dell’acqua alta, costituito da un’alta marea particolarmente significativa, caratterizza da sempre la laguna veneta e crea particolari disagi nella città di Venezia, determinando l’allagamento di piazze, abitazioni ed esercizi commerciali.
Nel corso dell’ultimo secolo il problema si è acuito notevolmente a causa del progressivo ridimensionamento della differenza fra il suolo della città e il livello del mare.....

mercoledì 4 giugno 2014

Il Mose era solo un magna magna

Marco Cedolin
Quando sei anni fa parlavo della truffa del Mose, durante le conferenze di presentazione del mio libro "Grandi Opere", ribadendo che si trattava di un'opera inutile e devastante, che avrebbe fagocitato quasi 5 miliardi di euro sottratti ai contribuenti italiani, per l'unico scopo d'ingrassare la mafia del tondino e del cemento ed il bestiario politico ad essa compiacente, percepivo spesso un velo d'incredulità. Il cemento porta lavoro, mi veniva fatto notare, e non si può sempre dire no alle opere che segnano il progresso della nostra nazione.
A guardare i giornali di oggi, il Mose, più che portare lavoro e progresso, sembra avere generato tutta una serie di rubalizi e profitti illeciti (queli che avevamo ampiamente previsto) che hanno già condotto all'arresto del Sindaco di Venezia Orsini (PD) ed alla richiesta di custodia cautelare per l'ex ministro e governatore del Veneto Galan (Pdl).....

sabato 31 maggio 2014

Manipolatori della realtà

Marco Cedolin
L'informazione mediatica, che già agli albori del secolo scorso iniziava a mostrare tutte le proprie potenzialità, ha man mano conquistato nei decenni a venire uno spazio sempre maggiore, crescendo di pari passo con la crescita degli strumenti tecnologici idonei a veicolarla.
Oggi la sua presenza è immanente e costituisce la spina dorsale di un modello sociale ipercinetico e visionario, basato sull'informazione urlata, la superficialità assoluta e la competizione sfrenata, elevata a ragione di vita.
Chi gestisce i media, attraverso la TV, internet, le radio ed i giornali, detiene il potere non solo di gestire, ma anche di creare la realtà nella quale conduciamo la nostra esistenza. Controlla i nostri sentimenti e le nostre idee, decide quando dobbiamo piangere, ridere o indignarci, crea i nostri nemici ed i nostri eroi, sceglie se attirare la nostra attenzione in una determinata direzione, oppure sviarla, ci informa su quanto sta accadendo all'altro capo del mondo e contemporaneamente ci tiene all'oscuro riguardo a quanto accade a pochi chilometri da noi......

lunedì 26 maggio 2014

Do ut des

Marco Cedolin
Nella giornata della valanga euroscettica, mentre in Francia dilaga il FN di Marine Le Pen, in Gran Bretagna spopola l'Ukip di Nigel Farage, in Danimarca diventa primo partito il DPP ed in Austria il Fpoe raddoppia i propri consensi attestandosi oltre il 20%, in Italia l'ebetino Matteo Renzi, alla guida del PD, stravince la sfida con Beppe Grillo e raccoglie più del 40% dei consensi, smentendo qualsiasi previsione della vigilia. Tutto ciò nonostante il Matteo fiorentino rappresenti un partito in tutto e per tutto prono di fronte all'Europa dei banchieri, di cui rappresenta di fatto la quinta colonna all'interno del nostro disgraziato paese e nonostante l'Italia, insieme a Grecia, Portogallo e Spagna, sia fra le nazioni maggiormente devastate dall'euro e dalle politiche di austerity della UE.....

mercoledì 2 aprile 2014

Sono tutti terroristi!

Marco Cedolin
Che le banche impegnate a governare questo disgraziato paese tramite i propri camerieri (oggi il minus habens Renzi, ieri Letta e ieri ancora Mario Monti) detestassero in maniera viscerale chiunque osasse profondersi in un qualche anelito di contestazione, dovrebbe ormai essere un fatto assodato. Ciò che invece in tutta evidenza non è ancora chiaro a tutti, sembra essere il punto fino al quale questo stato mafioso e clientelare sembra disposto a spingersi, pur di eliminare sul nascere qualsiasi forma di critica o contestazione.
Se molti avevano pensato che la folle accusa di terrorismo, gettata sulle spalle di un manipolo di No Tav, colpevoli di aver difeso la terra in cui vivono, costituisse un'eccezione nella quale era maldestramente incespicata la magistratura, tutti costoro da oggi in poi saranno costretti a ricredersi e ad ammettere che giudici, banchieri e mestieranti politici hanno ormai fatto della persecuzione una regola, finalizzata ad impedire qualsiasi forma di dissenso......